Green Factor

Green Economy: 2 storie di successo nei paesi in via di sviluppo
Sostenibilità

Green Economy: 2 storie di successo nei paesi in via di sviluppo

Green Economy è un termine ormai entrato di diritto nel nostro vocabolario ma sappiamo davvero cos’è questa “economia verde” e su quale principio si fonda?

La Green Economy è il modello di sviluppo di chi crede nella sostenibilità e investe in soluzioni che migliorano la qualità della vita di tutte le persone che vivono sulla terra, rendendo accessibili le risorse e creando occupazione e lavoro.

L’Unep, il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, ha dato una definizione della Green Economy che spiega in modo esaustivo cos’è e su quale principio si fonda:

“La Green Economy è un’economia che produce benessere ed equità sociale, riducendo i rischi ambientali e le scarsità ecologiche. In parole più semplici, un’economia a basse emissioni di anidride carbonica, efficiente nell’utilizzo delle risorse e socialmente inclusiva.”

Parlare di modelli di sviluppo, di benessere ed equità sociale, significa aprirsi a una nuova visione universale, dove il dialogo è aperto a tutti perché il futuro del pianeta riguarda tutti. Nessuno escluso. Questo è il principio su cui si fonda la Green Economy, un pensiero solidale universale che mette in relazione responsabilità e condivisione.  

E non si può generare ricchezza e benessere sociale se non si comincia a guardare con coscienza a quelle zone più remote del mondo, dove la povertà e l’arretratezza economica negano alle persone ogni più elementare diritto come energia e salute.

Vi raccontiamo 2 storie di paesi in via di sviluppo che hanno saputo cogliere i vantaggi della green economy, investendo nell’energia green e in tecnologie non inquinanti, ottenendo risultati importanti sul fronte ecologico e dell’occupazione per le classi sociali più povere.

  1. Green economy in Kenya: fonti energetiche alternative al petrolio
  2. Green Economy in India: un programma per l'aria pulita

 

Green economy in Kenya: fonti energetiche alternative al petrolio

Fino al 2008, il programma energetico del Kenya si è basato su una forte dipendenza dal petrolio. Negli ultimi anni, la cooperazione tra governo, investitori e aziende impegnate in modelli di sviluppo sostenibile, ha fatto del Kenya un grande protagonista della sfida ecologica nel continente africano, dove, è doveroso ricordarlo, più di 600 milioni di persone non hanno ancora accesso all’energia elettrica.

kenya

Quella a cui stiamo assistendo è una vera e propria transizione verso le fonti energetiche green: il Ministero dell’Energia, infatti, sta promuovendo politiche e strategie a sostegno di fonti energetiche alternative come il solare e l’eolico, finalizzate ad usi industriali e civili.

La presenza di questi impianti, inoltre, sta favorendo l’occupazione dei ceti più poveri e la nascita di piccole economie regionali. Grazie alle rinnovabili, anche le popolazioni delle aree più rurali potranno finalmente accendere una lampadina o ricaricare un telefono cellulare.

Piccole conquiste di straordinaria importanza che restituiscono dignità alle persone e fiducia nel futuro.

Green economy in India: un programma per l'aria pulita

L’India è uno dei maggiori utilizzatori di carbone ed è uno dei paesi che producono più sostanze inquinanti al mondo. La qualità dell’aria che si respira in India è così pessima che provoca 1,2 milioni di morti all’anno.

Per fare fronte a questa situazione così pericolosa per la salute delle persone, il governo ha deciso di puntare su un programma di miglioramento dell’aria per rendere le città più sostenibili.

indiaLe centrali a carbone saranno destinate alla chiusura e grazie alla collaborazione con aziende che si occupano di mobilità green, sarà incentivato il traffico elettrico. Inoltre, nelle zone rurali del paese, il programma ha vietato l’uso di macchine agricole inquinanti.

Il programma per l’aria pulita ha favorito la cooperazione tra politica e investitori nel settore dell’energia verde, che potranno assicurare al paese una crescita responsabile sia nei confronti dell’ambiente, sia nei confronti della crisi sanitaria che l’India sta attraversando a causa delle conseguenze dell’inquinamento.

Queste due storie raccontano come la Green Economy sia in grado di promuovere benessere e generare ricchezza proprio dove i modelli di crescita tradizionale hanno fallito. Il segreto del successo dell’economia verde è nel suo presupposto fondamentale: il rispetto dell’ambiente e delle persone muove la solidarietà e la cooperazione, la condivisione delle conoscenze a favore di tutti, perché il pianeta è una risorsa che appartiene a tutti e tutti possono collaborare per la sua tutela.

Ognuno di noi, in quest’ottica, deve sentirsi partecipe di quel che accade anche nell’angolo più remoto della terra: si chiama solidarietà universale e se vuoi anche tu fare parte di questa rivoluzione leggi le 10 cose che tutti possono fare per la sostenibilità per contribuire a un futuro responsabile e inclusivo.

New call-to-action

 

 Scarica l'ebook
VerdePiù - L'offerta Green più economica del web

    Seguici su: