Energia semplice

Trasformare le biomasse in energia
Guide Energia

Trasformare le biomasse in energia

Continua il nostro viaggio tra le fonti rinnovabili di energia: approfondiremo la tematica delle biomasse, cosa sono, come possono essere utilizzate per produrre energia, misurandone i vantaggi economici ed ambientali.

 

Definizione di biomassa

La Direttiva Europea definisce la biomassa come “la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l’acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani”.

Quindi, materiali di origine biologica che possono essere utilizzati per ricavare combustibili, energia elettrica o termica.

Quali sono le biomasse?

  • Legna;
  • Scarti di attività agricole e forestali;
  • Scarti alimentari;
  • Liquidi reflui da allevamento;
  • Alghe marine;
  • Coltivazioni apposite come girasole, soia e colza;
  • Rifiuti.

 

L’energia da biomasse in cosa può essere trasformata?

Tutte queste biomasse possono essere utilizzate e trasformate in energia con diverse finalità:

  • Per la produzione di carburanti biologici;
  • Per generare energia elettrica o termica.

I biocarburanti possono sostituire la benzina ed il diesel, sono oleosi o a base di alcol, essendo generalmente di origine vegetale e non contenendo metalli pesanti, sono biodegradabili e meno dannosi per la salute dell’uomo. Per poter essere trasformate in energia elettrica o termica le biomasse vengono lavorate in appositi impianti. Vediamo come funzionano.
 

Le centrali a biomassa

impianti a biomasse PLT energiaUna centrale a biomasse è una centrale che produce energia elettrica dalle biomasse attraverso questo procedimento:

  • Stoccaggio o raccolta del materiale;
  • La biomassa viene trasportata nel forno per la combustione;
  • Il calore della combustione fa evaporare l’acqua;
  • Il vapore si espande in una turbina a vapore a pressione;
  • La pressione generata muove un generatore che genera energia elettrica.

La biomassa viene bruciata all’interno di una camera di combustione e produce calore che verrà utilizzato per il riscaldamento o per la produzione di energia elettrica. La generazione contemporanea di calore ed energia elettrica viene definita cogenerazione.

I vantaggi di una centrale a biomassa

Una centrale a biomassa per la produzione di energia elettrica permette di sfruttare una fonte rinnovabile e diminuire la dipendenza da fonti fossili. L’utilizzo della biomassa, a differenza dei combustibili fossili, non aumenta la concentrazione di carbonio nell’atmosfera con conseguenza positive per il contenimento del riscaldamento globale.
 

La situazione in Italia

Nel 2020 è previsto che in Italia circa il 10% dell’energia rinnovabile sarà prodotta da biomasse. Un impegno che produrrà importanti vantaggi ambientali e la riduzione dell’importazione di combustibile.

Vuoi passare anche tu all'energia da fonti rinnovabili?>

New call-to-action

    Seguici su: